Lascia un commento

La casa della nonna!

OLYMPUS DIGITAL CAMERAEsattamente cinque anni or sono ero in partenza per trasferirmi a Kyoto e raggiungere mia moglie che era già arrivata da qualche mese. Le motivazioni di questa scelta furono molteplici, una su tutte  la malattia del suocero che conviveva con un cancro ai polmoni da quasi dieci anni ma che ultimamente a detta della madre di Mayumi stava leggermente peggiorando. Decidemmo pertanto di lasciare la nostra vita italiana per imbarcarci in una nuova avventura in modo da poterci prendere cura di lui fin tanto  che si sarebbe ristabilito.

Mamma e papà vivevano  nella zona residenziale di Uji, alla periferia di Kyoto. Qui i terreni costano meno e  nel tempo erano riusciti a permettersi una casetta su due piani con 4 stanze da letto in una zona non molto conveniente logisticamente ma di tutto rispetto. L`avevo descritta a suo tempo qui: La mia casa in Giappone.

La nonna materna di Mayumi era ancora in vita ma affetta da demenza senile da circa 15 anni. Praticamente un vegetale. Da più di un lustro durante le frequenti visite familiari alla casa di cura dove era ospite non riconosceva nessuno.  Aveva anche smesso di parlare. Sguardo basso a fissare il vuoto, nessun cenno di emozione, insomma, si trovava in quel genere di situazione che ogni volta che la si lasciava ci si interrogava sul senso di un esistenza di quel tipo e se fosse giusto da parte del genere umano far di tutto per prolungare una condizione di quel calibro, ma i medici dicevano che non soffriva e ai familiari tanto bastava. In passato si era dimostrata una persona piena di vita, intraprendente, coraggiosa, madre di 4 figlie e proprietaria di una Machiya (casa tradizionale giapponese) dove produceva e vendeva Tofu.

Quella casa, nel centro di Kyoto, a pochi passi dal Palazzo imperiale e affacciata su una delle principali vie di Kyoto, Kawaramachi, era quindi disabitata da almeno 15 anni, ed e` li che con il consenso di tutta la famiglia allargata, avremmo dovuto trasferirci io e Mayumi per cominciare la nostra avventura giapponese.

Avremmo! Una volta arrivati in Giappone infatti ci rendemmo subito conto della gravita` della situazione. Il leggero peggioramento delle condizioni di mio suocero si chiamava in realtà metastasi e di fatto aveva i giorni contati. Descrissi  quei giorni drammatici in un  vecchio post: La ricchezza di un uomo. Sta di fatto che una volta resisi conto della situazione, tutto il resto passo` in secondo piano e decidemmo di rimanere a vivere tutti assieme sotto lo stesso tetto per amore e per convenienza dal momento che il suocero necessitava di assistenza h24 e la suocera era visibilmente stremata. Appena passato a miglior vita la madre di mia moglie  fece un crollo repentino pertanto optammo per rimanere in quella casa quanto necessario affinché il tempo potesse se non altro lenire questo genere di sofferenze.

A distanza di 5 anni viviamo ancora tutti assieme ma questa e` un altra storia che racconterò prossimamente.

Ad inizio di quest`anno una chiamata improvvisa. Erano le undici di sera ed io ero impegnato su Yahoo Auction a fare un`asta per accaparrarmi il bbq Snow Peak usato al quale morivo dietro da un po`. Mayumi risponde, mette giù il telefono e scoppia a piangere. – Chiamano dalla clinica. La Nonna sta male. Dicono che dobbiamo raggiungerli urgentemente ma di non correre con la macchina che tanto potrebbe essere troppo tardi. E cosi fu. Si concludeva  nel peggiore dei modi per mia suocera un lustro di tempo nel quale si e` vista portare via a scadenza annuale marito, sorella minore anch`essa per cancro fulminante,   cane di famiglia e mamma.

Alla morte di quest`ultima, le 3 sorelle rimaste tra cui mia suocera si sono interrogate sul da farsi con la casa e visto che nessuno sembrava interessato a rilevare quella che ai loro occhi rappresentava più una gatta da pelare che  un opportunita` ci siamo fatti avanti noi. Unica condizione l`utilizzo dell`immobile o del terreno per riqualificarlo. Tutto anziché la vendita.

Era da tempo che  Mayumi ed io avevamo espresso interesse per quella casa. Fin dal primo momento che la vidi pensai che fosse situata in una zona perfetta per poterne fare una Guest House. A 10 metri dalla fermata dell`autobus, su una via principale, a 5 Minuti a piedi dal palazzo imperiale e meno di 3 da uno degli spiazzi più belli del fiume Kamogawa. Un potenziale incredibile. Si ma … 5 anni fa chi ce li aveva tutti quei soldi. La casa era fatiscente e gli investimenti necessari erano nell`ordine di centinaia di migliaia di euro. Fine della storia. Meglio farne un ritrovo alla meno peggio per amici e parenti. Una base da poter utilizzare all`occorrenza da chiunque della famiglia ne avesse bisogno.

Nacque cosi la “baracca di Marutamachi”. Con meno di mille euro di investimento e molto tempo a disposizione riuscii a tirare fuori un covo perfetto per le mie serate di svago e per le visite dei parenti fuori sede.

Ricordo che grazie al gruppo facebook chiamato “Kyoto Sayonara Sales” e tanta pazienza riuscii a recuperare sedie (Calligaris tra l`altro!!), tavolo, tavolino basso riscaldato chiamato kotatsu, divano, frigo, forno, tende… insomma praticamente tutto l`arredo necessario completamente gratis!! Si perche` qui in Giappone se vivi in centro ed hai necessita` di buttare determinata roba, devi pagarne lo smaltimento e allora molti preferiscono regalarla se proprio non riescono a venderla piuttosto che buttarla, e io mi sono rifatto casa!

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Quella casa  di fatto ora e` formalmente nostra. Le sorelle hanno rinunciato alla loro parte ed e` stata data carta bianca a me e mia moglie per poter farne ciò che ci pare, e non vedo l`ora di raccontarlo!

progetto

 

“Se avete costruito castelli in aria, il vostro lavoro non sarà sprecato: e` quello il posto in cui devono stare. E adesso metteteci le fondamenta.”

Henry David Thoreau

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Raccontando.... dal Giappone!

pensieri, sensazioni, emozioni...

quattropersone

Legame di sangue significa famiglia?

Memoria digitale

Tendenze e problemi in archivi e biblioteche (e tutto ciò che vi ruota attorno)

♥ melodiestonate ♥

Un blog da leggere... .Per chi ha tempo da perdere...♥

Greeneyed Geisha

...altro che kimono e fiori di ciliegio!!

Quaderno Mitico...

Appunti spesso privi di concordanza dei tempi e di coesione linguistica sui rapporti interpersonali in una realtà quotidiana a volte bizzarra altre banale...

Parole a passo d'uomo

Poesie e riflessioni sugli uomini del mio spazio e del mio tempo | di Cristiano Camaur

proficiscorestvivo

A blog about travel and food - If you don't know where you're going, any road will take you there.

Susanna tutta panna hates cheese

Teaching to the world the good mood since 1988.

BUROGU: Occhi sull`Impero

Riflessioni semiserie di italiani che, per forza o per passione, vivono in Giappone

La Maga di Oz

Un'ex expat che prova a rifarsi una vita in Italia!

On the Widepeak

Le mie cellule impazzite, la mia vita e il mondo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: