4 commenti

I Giapponesi ragionano per sistema binario?

Tamago

Avete presente quel sistema  numerico che utilizza solo 2 numeri (lo zero e l’uno) piuttosto che dieci come  il sistema decimale?

Ecco, quello!

Avete mai provato a fare una domanda ad un giapponese?

Non importa quale, va benissimo anche la più banale!

Non Vi risponderanno subito! Non chiedetemi il perchè… devo ancora capirlo anch’io, però è così!

Davvero, se fai una domanda ad un giapponese passeranno mediamente nella maggior parte dei casi almeno 3 o 4 secondi prima che la sua faccia riprenda vita! E’ così, a domanda diretta si paralizzano!

Ho come la sensazione che  io, abituato a ragionare in sistema decimale, (che non vuol dire sia migliore) butti li un numero superiore all’uno, tipo il tre! Al che un giapponese ragionando in sistema binario cerca nel suo database quello strano numero e non trovandolo va in crash e si blocca!

Poco dopo torna sulle sue! Ti guarda, riprende colore e successivamente ti risponde…….. forse! Molto spesso la risposta non è inerente alla domanda ma questo è un dettaglio!

… E’ come navigare in Internet con la linea ISDN, alla fine l’informazione la ottieni lo stesso se hai la perseveranza di non mollare, ma sai solo tu le bestemmie che hai tirato aspettando!!

Mia moglie era così quando l’ho conosciuta!

Le facevi una domanda e non ti rispondeva mai in tempo utile! All’inizio davo la colpa alla lingua, avendola conosciuta in viaggio, davo per scontato che il gap stesse nella rielaborazione delle frasi dall’inglese al giapponese!

Poi col tempo il suo inglese ha cominciato a migliorare mentre i suoi tempi di risposta no! E il dubbio è cominciato ad instaurarsi nella mia mente!

Andai successivamente in Giappone per un mese. Capii tutto! Il dubbio divenne certezza ma ormai era troppo tardi!

Fortunatamente col tempo le cose cambiano e una volta trapiantata in Italia anche lei lo fece!

All’inizio andò in crisi, ma poi PURTROPPO cominciò a migliorare. Ora è diventata  più veloce di fastweb 100 mega  tecnologia a fibra ottica!  Mayumi mi  prend….. NO! Potresti cortesem… ARRANGIATI!! Mi faresti  un… FAMMI UN MASSAGGIO! A volte mi piacerebbe tornare alla linea ISDN e nella speranza di ciò sono volato con lei in Giappone nella disperata ricerca di un aggiornamento software che la riporti com’era prima!!

Ma fosse solo la lentezza il problema si potrebbe anche sorvolare! Il fatto è che spesso non sanno nemmeno prendere un iniziativa che sia una! Se gli hanno detto che una cosa si fa così, SI FA COSI’! Il buon senso lo lasciano altrove!

L’altro giorno ero di turno come cameriere nella sala buffet dell’hotel dove lavoro. Praticamente non dovevo fare niente oltre che salutare i clienti al loro arrivo, ringraziarli alla partenza e togliere i vassoi sporchi dai loro tavoli.  Rifornire il buffet non era compito mio.

In Giappone, o meglio, (ancora è presto per me per generalizzare) nel mio hotel funziona così….

Se hai un problema, o meglio, se c’è un problema, devi rivolgerti al tuo più diretto superiore. Non importa che lui sia un co…ne o non sia reperibile in quel momento… per nessun motivo devi oltrepassare le tue competenze e scavalcare il tuo più diretto superiore.

Nel mio caso… il mio più diretto superiore è un co..ne!! Non è cattiveria, è veramente stupido…. più della norma!

In più non è neanche un vero cameriere… prima faceva tutt’altro lavoro. Comunque sia… succede che durante lo svolgimento del buffet lui si trovi alle prese con una bottiglia da stappare. Nel mentre accade il disastro… sul più bello che ce l’aveva quasi fatta… si rompe il tappo di sughero a metà! ….. Panico!! Panico e paura! Espressione assente. Sguardo di tomba. Il soggetto dopo 5 secondi si risveglia dal coma, prende la bottiglia e corre in stato confusionale su e giù per tutto l’hotel!

Rimaniamo solo mia moglie ed io in sala!

Nel frattempo i tamago (le uova) stanno finendo dal tavolo del buffet, così come l’insalata!

Come dicevo prima… Non esiste per nessun motivo al mondo che io salti il mio referente e proferisca parola allo chef se non per i saluti iniziali. Vabbè… ma le uova stan finendo… e lo chef non lo può sapere… chi glie lo deve dire?

Facciamo finta di niente…. tornerà quel rinc….to prima o poi… (e intanto lo intravedo passare avanti e indietro dalla hall con sta ca..o di bottiglia in mano!)

Un cliente si avvicina a mia moglie….. mi scusi? Qua le uova son finite, ce ne sono ancora perchè io non sono ruscito a prenderne!

Certo, un attimo di attesa per cortesia!

Lo chef viene informato da Mayumi, prepara le uova e l’insalata e la situazione torna alla normalità in sala!

Tutto è bene quel che finisce bene!

Si, ma qua non siamo alla Walt Disney, e questa non è una storia a lieto fine!

Qualche minuto dopo veniamo ripresi dal capo cameriere che nel frattempo aveva fatto sparire la bottiglia!

Come vi siete permessi di dire allo chef cosa doveva fare? Ora è stressato per colpa vostra!

Stupore!

Ma, veramente noi… cosa avremmo dovuto fare?

Le sapete le regole…. dovevate dirlo a me che l’avrei riferito allo chef!

Si ma…. tu non c’eri!

Ero impegnato!

Ok e quindi?

E quindi avete sbagliato!

La nostra espressione da li in avanti cambierà e il nostro sorriso lascerà spazio alla perplessità!

A fine serata il rapporto.

Ragazzi, avete sbagliato! Con il Vostro comportamento avete messo a disagio i clienti dimenticando di sorridere!

Ma veramente (penso tra me e me) … non è proprio così… e siccome non sono più capace di stare zitto da qualche anno a questa parte chiedo a Mayumi di tradurre per me:

– Si, perchè se invece di mangiare le uova mentre noi eravamo perplessi, i clienti ci avessero guardato sorridere mentre in tavola mancavano ste cazzo di uova e noi non facevamo nulla per rimediare alla situazione sarebbe stato meglio?

Azz… troppo diretto! Blocco! Il cameriere è in Crash!

Dopo 5 secondi si riprende, si gira e se ne va!

Il Giorno successivo verrò ripreso dal gran Boss! Andrea San, cerca di non sovraccaricare il povero Okacomecazzosichiama San, è gà troppo oberato di lavoro!

Ciao a tutti, e come sempre…. Viva il Giappone!!!

P.S. Due giorni dopo è accaduto di nuovo… panico e paura… il cameriere ha rotto un altro tappo nella bottiglia!!

Stavolta però lo stavo osservando…. per forza li rompe… quando ne estrae metà fa leva sul collo della bottiglia!!!

Poverino, è oberato di lavoro!!

Annunci

4 commenti su “I Giapponesi ragionano per sistema binario?

  1. Mi piaci come scrivi, specialmente quando affermi che sono impressioni tue… esperienze tue e giustamente sottolinei che non desideri generalizzare. Scrivendo sul Giappone si rischia sin da subito di essere etichettato come un “Japan Bashing”.
    Complimenti per il tuo lavoro, sarò felice di seguirti nella tua avventura nipponica.

    • Grazie Roberto! Mi fa molto piacere il tuo interesse e sono felice dei complimenti ricevuti!
      Assolutamente non voglio generalizzare, in primis perchè non ho nemmeno un briciolo di statistica dalla mia parte, sono qui da poco più di un mese quindi non ho moltissimi riscontri. Poi come già scritto in altri post mi piace sottolineare che qui mi trovo in un villaggio, e voglio pensare che la gente sia un tantino differente da quella che si può trovare nelle grandi città. Comunque sia a Kyoto avevo avuto un impressione differente rispetto a qui.

      In sostanza spero mi contraddicano su tutti i fronti per il momento!

      Ciaooo

  2. hi hi mitico questo articolo. Speriamo che il c….e non usi google transaltor 🙂

  3. Scusa se rido delle tue sventure, ma questo post è veramente spassoso! 😆
    Leggo che sei da poco in Giappone. In bocca al lupo! Penso tu abbia la giusta dose d’ironia per vivere bene qui. Mi sembri molto osservante e concordo con la tua analisi: a volte i giapponesi sembrano ragionare per “codice binario”.
    Anche mio marito all’inizio era così… da qualche anno si è velocizzato (ha messo l’ADLS pure lui!), merito del lungo periodo trascorso in Italia, secondo me. Da quando siamo in Giappone è un po’ peggiorato, ma non mi lamento. 😉
    Ciao, buona giornata!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Raccontando.... dal Giappone!

pensieri, sensazioni, emozioni...

Just Read The World

Il Travel Blog per lasciarsi sorprendere dal Mondo

quattropersone

Legame di sangue significa famiglia?

Memoria digitale

Tendenze e problemi in archivi e biblioteche (e tutto ciò che vi ruota attorno)

♥ melodiestonate ♥

Un blog da leggere... .Per chi ha tempo da perdere...♥

Greeneyed Geisha

...altro che kimono e fiori di ciliegio!!

Quaderno Mitico...

Appunti spesso privi di concordanza dei tempi e di coesione linguistica sui rapporti interpersonali in una realtà quotidiana a volte bizzarra altre banale...

Parole a passo d'uomo

Poesie e riflessioni sugli uomini del mio spazio e del mio tempo | di Cristiano Camaur

proficiscorestvivo

A blog about travel and food - If you don't know where you're going, any road will take you there.

Susanna tutta panna hates cheese

Teaching to the world the good mood since 1988.

CAPITOLO 11 [tra il 10 e il 12]

"scrivere è cercare la calma, e qualche volta trovarla. E' tornare a casa. Lo stesso che leggere. Chi scrive e legge realmente, cioè solo per sé, rientra a casa; sta bene." Anna Maria Ortese

BUROGU: Occhi sull`Impero

Riflessioni semiserie di italiani che, per forza o per passione, vivono in Giappone

La Maga di Oz

Un'ex expat che prova a rifarsi una vita in Italia!

On the Widepeak

Le mie cellule impazzite, la mia vita e il mondo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: