6 commenti

Il mondo.

Alborosie

Io adoro la musica. Non ho un genere preferito. Mi piace tutta.

Ricordo che quando ero più giovane, non potendo viaggiare fisicamente, lo facevo molto con la fantasia. La musica mi serviva a questo. Mettevo su un cd, mi buttavo sul letto di camera mia e sognavo di essere in posti lontani.

Quando avevo circa vent’anni portavo lunghi capelli dreadlocks e sognavo di andare in Giamaica. Allora mi piacevano un paio di gruppi reggae del panorama italiano, gli Africa Unite e i Reggae National Tickets.

I primi erano più famosi. Stavano in piazza da più tempo e a mio avviso facevano anche della musica migliore. Io preferivo comunque i Reggae national Tickets. Avevo una predilizione per i dreadlocks del cantante, Alberto D’Ascola, in arte Stena e quello era un motivo sufficiente per addittarli a mio gruppo reggae italiano preferito!!

Nel 2000 pubblicarono l’album “Roof Club”, parzialmente registrato in Giamaica preceduto dal primo singolo estratto “Il mondo”.

Nella sua semplicità quella canzone mi rimase impressa per anni.  Leggera e scanzonata racchiudeva nella lirica un messaggio molto profondo.

Tralasciando le varie ripetizioni il testo diceva questo:

Il mondo è come lo fai

dentro la testa lo sai

lo sai o no?

lo sai o no?

o no?

Il mondo è come te

non gioca mai per perdere

lo sai? Lo sai?

Il mondo è come te

equilibrio instabile

lo sai? Lo sai?

Il mondo è come te

Ombra luce guerra e pace

pace, pace.

Il mondo è come te

risposte imprevedibili

lo sai? Lo sai?

Il mondo è in ognuno di noi

tu scegliti il mondo che vuoi

viviti il mondo che hai

Il mondo è come te

gira gira e non si ferma mai..

Il mondo è come te

unico molteplice

chi sei? Che vuoi?

Il mondo ha come te

regole da trasgredire

lo sai? Lo sai?

Il mondo è come te

un cielo di satelliti

lo sai? Lo sai?

Il mondo è in ognuno di noi

tu scegliti il mondo che vuoi

viviti il mondo che fai.

Bellissima pensavo! Ascoltata con vent’anni in bocca poi… quando pensi davvero di poter cambiare il mondo è tutta un altra cosa!

Passano gli anni e la vita a poco a poco, lentamente, inesorabilmente tende a schiacciarti, a relegarti in posizioni non tue, ad annientare le tue diversità e spegnere i tuoi entusiasmi. Fu così che senza nemmeno accorgermene tagliai i dreadlook, diventai “adulto”, con tutti gli oneri e gli onori che questa condizione comporta, e smisi di seguire i Reggae National Tickets!

Con un colpo di reni in zona Cesarini all’età di 27 anni mollai tutto e partii per fare ciò che davvero mi sentivo di fare… viaggiare. Ma questo ormai è noto.

All’età di 30 anni casualmente sentii alla radio australiana una canzone reggae che mi piaceva un sacco. Si trattava di Kingston town cantata da Alborosie.  Anche se non sapevo chi fosse  lo immaginavo un nero giamaicano per la timbrica e il sound inconfondibile di quell’isola.

Qualche giorno più tardi, a seguito di alcune ricerche su internet mi accorsi con non poco stupore e molto orgoglio che quel bravissimo cantante sentito alla radio pochi giorni prima altri non era che Alberto D’Ascola, ex Stena, ora Alborosie!

Ebbene si, quel bravissimo presunto “giamaicano” era in realtà lo stesso italiano che ben dieci anni prima cantava “Il mondo” assieme ai Reggae National Tickets!

Riascoltando quella canzone a distanza di anni mi accorsi di una sottigliezza alla quale non avevo prestato attenzione prima. Il messaggio che voleva dare non era quello di cambiare il mondo, bensì di cambiare noi stessi visto che il nostro mondo siamo noi!

Questo ragazzo secondo me ne è l’esempio vivente, perchè a parole siamo bravi tutti ma coi fatti si fa sempre un pò più fatica. E spesso chi si prodiga in consigli esistenziali è chi meno riesce a dare il buon esempio sul campo.

Alberto D’ascola nasce  in Sicilia il 4 luglio 1977  ma si trasferisce ben presto al nord, prima a Milano e successivamente a Bergamo con la famiglia a causa del lavoro del padre poliziotto.

Essere figlio di un poliziotto emigrato a Bergamo non è proprio la condizione ideale per nascere futuro cantante  reggae!!

Ma Alberto non si demoralizza. Nel 1993 a soli 16 anni forma i Reggae National Tickets assumendo il nome d’arte Stena, anagramma di Nesta, secondo nome di Bob Marley. Pubblicano in totale 6 dischi che riceveranno non pochi consensi tra i quali il titolo di “Italian Ambassador Reggae” al Rototom Sunsplash festival (una delle più grandi manifestazioni reggae a livello europeo).

Nel 2000 nonostante un successo di nicchia finalmente consolidato Alberto decide di lasciare band, agenzia discografica e paese d’origine per seguire la sua vocazione reggae!

E’ così che  con soli 2000 dollari in tasca approda finalmente in Giamaica. L’inserimento non fu dei più facili. In un intervista ad un emittente italiana dichiarò di aver subito  in breve tempo dal suo arrivo un paio di rapine a mano armata e l’incendio doloso della propria auto. Kingston non è un posto facile in cui vivere e la diffidenza iniziale della popolazione che non vedeva di buon occhio un ragazzo bianco intenzionato a fare del reggae rese tutto più difficile.

Borosie lo chiamavano. Dispregiativo usato per denigrare i suoi dreadlocks di colore rossastro.

Tutto ciò sarebbe stato sufficiente per scoraggiare  chiunque. Dopo aver a lungo sognato e idealizzato quel paradiso terrestre nel quale il proprio idolo musicale cantava di uguaglianza pace e amore il riscontro con la realtà non dev’essere stato molto piacevole.

Ma Alberto non si diede per vinto. Aggiunse le iniziali del suo vero nome al dispregiativo ricevuto e divenne per tutti Alborosie.

Per farla breve ora  Alborosie è uno degli artisti reggae di riferimento nel intero panorama mondiale, vive ancora a Kingston Town ed è finalmente  stato accettato dalla comunità giamaicana tanto da permettergli di duettare con i più grandi  ancora in circolazione. Spesso sono proprio loro a chiedere al Alborosie la possibilità un duetto!

Nel 2011 vince il riconoscimento di “Best Reggae Art” davanti ad artisti del calibro di Damian Marley e NAS diventando il primo artista bianco a vincere un premio dedicato alla musica Black!

Davvero una storia a lieto fine.

E allora si, aveva ragione lui.” Il mondo è in ognuno di noi…. tu scegliti il mondo che vuoi!”

Annunci

6 commenti su “Il mondo.

  1. in macchina ho ancora un cd che mi hai masterizzato. si chiama “cd giobbe”. sentissi che robe che ci sono lì sopra….! #memories#2001

    • Ma dai…. grande!!!!
      Ma adesso son curioso però… un giorno che hai tempo scrivimi una lista dei titoli… mi aiuterà a ricordare meglio quei tempi!

  2. ok! stasera cerco di fartela! te la mando domani! 😉

  3. proprio bello leggerti ragazzo… ed e’ un ottimo spunto su come un blog che parla di viaggio fisico puo trasformarsi in uno su viaggi interioti, di pensieri emozioni o stati d animo. cheers mate

  4. Complimenti anche per quest altro articolo! Il Mondo me la canticchiavo anche io..anche per anni..e forse e’ stata la prima canzone che mi ha dato l illuminazione tanti anni fa! :)) Complimenti! Mi ritrovo in tutto cio che hai scritto..e proprio perche la societa e gli eventi a volte ti piegano mandandoti dove non vuoi andare e’ sempre utile ricordare cio che ti fece riflettere anni prima..in questo caso una canzone.. Il Mondo 🙂

  5. 😉 Keep cool Alessia! And never give up! See you around the world!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Raccontando.... dal Giappone!

pensieri, sensazioni, emozioni...

Just Read The World

Il Travel Blog per lasciarsi sorprendere dal Mondo

quattropersone

Legame di sangue significa famiglia?

Memoria digitale

Tendenze e problemi in archivi e biblioteche (e tutto ciò che vi ruota attorno)

♥ melodiestonate ♥

Un blog da leggere... .Per chi ha tempo da perdere...♥

Greeneyed Geisha

...altro che kimono e fiori di ciliegio!!

Quaderno Mitico...

Appunti spesso privi di concordanza dei tempi e di coesione linguistica sui rapporti interpersonali in una realtà quotidiana a volte bizzarra altre banale...

Parole a passo d'uomo

Poesie e riflessioni sugli uomini del mio spazio e del mio tempo | di Cristiano Camaur

proficiscorestvivo

A blog about travel and food - If you don't know where you're going, any road will take you there.

Susanna tutta panna hates cheese

Teaching to the world the good mood since 1988.

CAPITOLO 11 [tra il 10 e il 12]

"scrivere è cercare la calma, e qualche volta trovarla. E' tornare a casa. Lo stesso che leggere. Chi scrive e legge realmente, cioè solo per sé, rientra a casa; sta bene." Anna Maria Ortese

BUROGU: Occhi sull`Impero

Riflessioni semiserie di italiani che, per forza o per passione, vivono in Giappone

La Maga di Oz

Un'ex expat che prova a rifarsi una vita in Italia!

On the Widepeak

Le mie cellule impazzite, la mia vita e il mondo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: