5 commenti

Secondo giorno a Stantorphe

Secondo giorno a Stantorphe

All’indomani di quanto accaduto il freddo ci sveglia puntuali alle sette di mattina! Chiaramente le “disgrazie” come questa ti accadono sempre di venerdì, ciò vuol dire che la mia macchina starà ferma almeno 3 giorni prima che mi venga fatto un preventivo e che per 2 giorni dovremmo bighellonare in giro per la città facendo passare il tempo fino a lunedì, quando finalmente apriranno gli uffici della Harvest line dove andremo a richiedere lavoro e il negozio di seconda mano dove potremo acquistare per qualche dollaro un po’ di maglie pesanti per passare la notte ed andare a lavorare!

Partiamo dal campeggio a piedi, e con tutti i nostri buoni propositi di risparmio in 10 minuti arriviamo al centro città…. Luisetto è messo peggio di me, certo non avrà 2500 dollari sul groppone da pagare ma è praticamente intrappolato in Australia, ha con se poche centinaia di dollari  e un visto in scadenza ed è venuto a racimolare i soldi per potersi comprare il biglietto di ritorno a casa previsto per luglio agosto!!! Io penso, va benissimo cosi’, finalmente ho trovato uno che metta  freno al mio continuo sperperare ultimamente (alla faccia del viaggiatore!!!), ma si sa… nonostante tutti i propositi di questo mondo… lasciare 2 veneti in giro per una qualsiasi città alle otto della mattina è pur sempre un rischio che sfocia in certezza!!  Non facciamo nemmeno 50 metri una volta entrati in centro che il Luisetto legge a voce alta…. GENERI ALIMENTARI!!! Mi giro per vedere cosa cavolo stesse facendo e me lo ritrovo in men che non si dica già dentro!!! Ostia Mandellino (Mandelli/ino è il mio nuovo soprannome in Australia, in onore del mitico Mandelli difensore del Chievo, e avendo giocato a calcio per 4 mesi a Byron con una microfrattura all’alluce, costretto in difesa, quasi immobile, i secondi 2 stronzi di Grosseto hanno coniato questo soprannome e ora tutti credono io mi chiami così!!!! Ma va benissimo!!!) …. dicevo…. Ostia Mandellino… hanno il Montalsio!!! E’ un anno e mezzo che non mangio il Montalsio (formaggio secco quasi come il grana).. vieni qua che te ne offro un pezzetto!! Certo, assieme ad un buon formaggio, ci vorrebbe una buona bottiglia!!!  La nostra fortuna è stata che non vendessero alcolici in quel generi alimentari…. la mia sfiga è stata che io riuscissi ad intravedere fuori dalla finestra del generi alimentari un  Pub stile cowboy con tanto di insegna GUINNESS!!! Andiamo Luisetto… ti offro una birretta!!! Stranamente nessuno dei due in quel momento si è ricordato il motivo per il quale eravamo a Stantorphe, ovvero risparmiare e mettere via soldi… e nel giro di sei sette ore le birrette (medie!!!) GUINNESS (la più costosa) erano diventate una decina, bevute al banco e successivamente davanti ad un tavolo da biliardo e … ovviamente, non sapendo dove sperperare anche la poca moneta rimasta, che comunque in tasca faceva peso e alterava le sorti dell’incontro… un vecchio juke box ha fatto a caso nostro!!! Complimenti Mandelli e Luisetto!!! 100 dollari a testa andati!!! Felici comunque come non mai e pronti ad affrontare il freddo, ci dirigiamo mestamente verso il nostro campeggio… non prima di incappare però in un profumatissimo Red Rooster (una specie di Mc donald’s) che ci spillerà altri 10 dollari per il family menù e ci lascerà con una pesantezza attorno che solo le birre del giorno dopo riusciranno a smaltire!!!

 Come inizio, direi che non c’è male!!!

Annunci

5 commenti su “Secondo giorno a Stantorphe

  1. Ciao Andre, sei ritornato a scrivere finalmente… Meno male, pensavo ti fossi addormentato nel marsupio di una "canguressa" e fossi sparito nel nulla.
     
    Ciaoo 🙂

  2. mandellino…te sta proprio ben!!farfallino mandellino!…..vai con la guinness…vai con i disastri in irlanda!!!!!la sedia con il sasso!..lo stendino cantante!!!….e la vecia "OUT"…!!!!!!CHE RICORDI…domani noi andiamo alla caprino spiazzi…dormiremo in macchina cosi\’ intanto provo a far la to vita per un giorno!A OTTOBRE ci troviamo in thai mi raccomando….io e tuo papa\’ siamo gia\’ d\’accordo…..

  3. a proposito metti un po di foto…mi sembra che e\’ da un po che non aggiorni l\’album fotografico!!!!!……sta attento alla medusa a scatola!!!!!…e al polipo gialloblu\’!

  4. Sole, non hai trovato nulla con cui fare intrugli con la Guinness, stile acido muriatico????? :-D… bisognerebbe inventarti!!!! 😀

  5. ciao raga, luiss mi conosce…io tra un mesetto dovrei partire alla volta di surfers paradise…voi con quanti soldi siete partiti per curiosità??se è lecito saperlo…ciao, Mirco

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Raccontando.... dal Giappone!

pensieri, sensazioni, emozioni...

Just Read The World

Il Travel Blog per lasciarsi sorprendere dal Mondo

quattropersone

Legame di sangue significa famiglia?

Memoria digitale

Tendenze e problemi in archivi e biblioteche (e tutto ciò che vi ruota attorno)

♥ melodiestonate ♥

Un blog da leggere... .Per chi ha tempo da perdere...♥

Greeneyed Geisha

...altro che kimono e fiori di ciliegio!!

Quaderno Mitico...

Appunti spesso privi di concordanza dei tempi e di coesione linguistica sui rapporti interpersonali in una realtà quotidiana a volte bizzarra altre banale...

Parole a passo d'uomo

Poesie e riflessioni sugli uomini del mio spazio e del mio tempo | di Cristiano Camaur

proficiscorestvivo

A blog about travel and food - If you don't know where you're going, any road will take you there.

Susanna tutta panna hates cheese

Teaching to the world the good mood since 1988.

CAPITOLO 11 [tra il 10 e il 12]

"scrivere è cercare la calma, e qualche volta trovarla. E' tornare a casa. Lo stesso che leggere. Chi scrive e legge realmente, cioè solo per sé, rientra a casa; sta bene." Anna Maria Ortese

BUROGU: Occhi sull`Impero

Riflessioni semiserie di italiani che, per forza o per passione, vivono in Giappone

La Maga di Oz

Un'ex expat che prova a rifarsi una vita in Italia!

On the Widepeak

Le mie cellule impazzite, la mia vita e il mondo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: