2 commenti

Frammenti di un licenziamento….

 

Ed eccomi qua…

 

Sono trascorsi ormai sei mesi da quella grigia mattina di marzo, mattina in cui annoiato, (condizione che si ripeteva ormai costante da due anni almeno a quel momento), guardavo distrattamente il susseguirsi delle nuvole nel cielo fuori dalla finestra del mio ufficio. Ancora non sapevo che stava per succedere.. certo, erano mesi ormai che puntualmente me lo ripromettevo, che in cuor mio speravo aver la forza per poterlo fare, ci pensavo e ripensavo, ma ancora niente, c’era sempre qualcosa che mi bloccava… ma forse stava proprio in questo l’errore…. nel troppo pensare!!!

Comunque, mentre i miei occhi seguivano il cielo e la mia testa sognava di essere altrove,  le mie orecchie inconsciamente prestavano attenzione ad un collega che pure lui annoiato  non so come e non so  perché finì su un sito di lettere di dimissioni. Si mise a leggerle ad alta voce scatenando l’ilarità dei presenti, alcune erano proprio buffe, fino a quando non arrivo a LEI, “la decisa”, 3 righe striminzite per comunicare l’interruzione del rapporto lavorativo con la propria azienda.

Io, che fino a quel momento non mi rendevo conto di aver prestato attenzione alle letture del collega, e senza nemmeno aver pensato a quello che stavo per dire, me ne uscii con un: Bibi me la stampi per favore?

Il collega pure lui senza dare peso alle mie parole fece come gli chiesi, a mia volta, raccolsi la stampa, ci scrissi sopra nome e cognome e firma in calce. Mi alzai dalla scrivania e senza dire nulla andai da chi di competenza, (frase che ora mi suona buffa ma che in un ufficio si usa come il pane a tavola!).

Tornai in ufficio dopo mezz’ora di inutili trattative con il più stupido dei sorrisi stampato sulla faccia e tra lo stupore e l’incredulità dei miei colleghi non potevo credere di esserci riuscito… non era così che me l’ero immaginato… non così semplice, non in una giornata qualunque…con la barba sfatta e i capelli non lavati quella mattina, e invece era accaduto.. in uno stupidissimo mercoledì qualunque di una giornata qualunque come lo erano state del resto tutte le mie giornate in fotocopia da impiegato! 

Annunci

2 commenti su “Frammenti di un licenziamento….

  1. mi hai fatto venir voglia di dare le dimissioni….solo che non avendo io un lavoro è un pò difficile LOL.
     
    Bella Giobbe! 

  2. […] Di frequente, da quell’ormai lontano 2007  ripenso al mio percorso in questi ultimi anni e mi chiedo se sia stato più il destino o una serie di circostanze fortunose a far si che io potessi essere qui quest’oggi a raccontare questa storia partendo proprio da dove è cominciato questo blog, ovvero  dal mio primo post. […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Raccontando.... dal Giappone!

pensieri, sensazioni, emozioni...

Just Read The World

Il Travel Blog per lasciarsi sorprendere dal Mondo

quattropersone

Legame di sangue significa famiglia?

Memoria digitale

Tendenze e problemi in archivi e biblioteche (e tutto ciò che vi ruota attorno)

♥ melodiestonate ♥

Un blog da leggere... .Per chi ha tempo da perdere...♥

Greeneyed Geisha

...altro che kimono e fiori di ciliegio!!

Quaderno Mitico...

Appunti spesso privi di concordanza dei tempi e di coesione linguistica sui rapporti interpersonali in una realtà quotidiana a volte bizzarra altre banale...

Parole a passo d'uomo

Poesie e riflessioni sugli uomini del mio spazio e del mio tempo | di Cristiano Camaur

proficiscorestvivo

A blog about travel and food - If you don't know where you're going, any road will take you there.

Susanna tutta panna hates cheese

Teaching to the world the good mood since 1988.

CAPITOLO 11 [tra il 10 e il 12]

"scrivere è cercare la calma, e qualche volta trovarla. E' tornare a casa. Lo stesso che leggere. Chi scrive e legge realmente, cioè solo per sé, rientra a casa; sta bene." Anna Maria Ortese

BUROGU: Occhi sull`Impero

Riflessioni semiserie di italiani che, per forza o per passione, vivono in Giappone

La Maga di Oz

Un'ex expat che prova a rifarsi una vita in Italia!

On the Widepeak

Le mie cellule impazzite, la mia vita e il mondo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: